top of page

Un team di soccorso: Lucenti, Gatti, Magistrali e l'Intervento che ha salvato una famiglia

Andrea Gatti Autista Soccorritore, Enrico Lucenti Infermiere e Direttore del Comitato scientifico di SIIET, Glenda Magistrali Studentessa di infermieristica e speaker del podcast SIIET "in prima linea".


Sull'autostrada che collega Caorso a Brescia, un tranquillo viaggio in famiglia si trasforma all'improvviso in una scena di emergenza che mette alla prova l'umanità e la professionalità dei soccorritori.


Nel primo mezzo di soccorso che giunge sul posto ci sono Enrico Lucenti, Andrea Gatti e Glenda Magistrali, membri dell'equipaggio del 118 dell'Ausl di Piacenza. Il loro arrivo sul luogo dell'incidente segna l'inizio di un'operazione di salvataggio che rimarrà impressa nelle loro memorie per sempre.

Mentre l'autoinfermieristica guidata da Gatti si fa strada attraverso il traffico, la tensione sale. Giunti sul posto, scoprono una famiglia in gravi condizioni: due adulti e un neonato, ciascuno di loro ha bisogno di aiuto immediato. Nonostante la scena caotica, Lucenti, Gatti e Magistrali si muovono con un'intesa perfetta, dimostrando che la loro preparazione e il loro spirito di squadra sono di vitale importanza in momenti critici come questo.


La priorità è il neonato, apparentemente il più vulnerabile tra i tre. Lucenti, con la sua vasta esperienza e formazione, sa che ogni secondo è prezioso. Trovano il piccolo al caldo, in un'altra vettura, protetto dalle braccia di un passante compassionevole. La scena ricorda a Lucenti perché ha scelto questo mestiere: per fare la differenza nelle vite delle persone nei momenti di massima disperazione.


Magistrali, nonostante sia ancora una studentessa, mostra una professionalità e una maturità eccezionali. La sua capacità di mettere da parte l'emozione personale, lavorando con determinazione per offrire le cure necessarie, sottolinea l'importanza dell'empatia e della competenza nei soccorsi. La sua presenza rassicurante è un faro di speranza per la famiglia colpita.


Il lavoro di squadra tra i membri dell'equipaggio del 118, la Croce Rossa, i vigili del fuoco e la polizia stradale è un esempio esemplare di collaborazione. Ogni azione è coordinata, ogni decisione è presa con l'obiettivo comune di salvare vite. Questa sinergia tra diverse forze di soccorso sottolinea la forza del sistema di emergenza, capace di affrontare situazioni complesse e di gestirle con efficacia.


Mentre la madre e il padre iniziano lentamente il loro percorso di guarigione, con lei in terapia intensiva e lui ricoverato a Cremona, la speranza per una piena ripresa si rafforza. Il neonato, ora al sicuro nel reparto di Pediatria dell'ospedale di Parma, è un simbolo vivente di resilienza e della capacità dei soccorritori di fare la differenza.


Questa storia, più che narrare la cronaca di un incidente, celebra l'impegno incrollabile e l'umanità degli operatori del 118 e di tutti i soccorritori coinvolti. La loro dedizione non solo salva vite ma rinnova la fede nell'importanza vitale dei servizi di emergenza, capaci di trasformare momenti di potenziale tragedia in storie di speranza e di guarigione. In questo racconto, il ruolo dei soccorsi non è solo esaltato, è celebrato come l'essenza stessa del coraggio e dell'altruismo umano.

893 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page